A Fabio, 5 aprile 2009.

domenica 18 novembre 2007

32° Trofeo Nassetti

E dunque eccoci ad Ozzano, per riscoprire un po' la corsa. In chiave agonistica, visto che Carla, sapute le salite impervie del percorso (soprattutto San Pietro), ha preferito dare forfait. Cosi' sono partito deciso per la competitiva di 12,7 km, ma gia' dopo 2 chilometri e mezzo i miei buoni propositi stavano vacillando. Ero indeciso fra "la 4" e "la 7".

In questi casi il bivio anticipato con le "corte" aiuta molto, cioe' appena partiti non si decide mai per il percorso piu' breve, ed infatti mi ritrovo sul percorso lungo. Neanche il tempo di complimentarmi con me stesso per la scelta che sacramento: l'erta salita al borgo di San Pietro e' una coltellata, e mi costringe al passo. Le cose peggiorano (psicologicamente) con Marino che mi raggiunge corricchiando e poco piu' avanti c'e' Roberto che ci aspetta dichiarando che si e' gia' ritirato 3 volte.

Sono entrambe vecchie volpi, e so bene che possono lasciarmi li' in qualunque momento ad ansimare e fino a 3 chilometri dall'arrivo fra un "sono cascato dall'albero mentre potavo e ho un taglio alla tibia che non dovrei neanche correre" (Marino) e un "sono tornato ieri dalla Repubblica Ceca dopo 15 giorni di trasferta di lavoro a mangiare e bere fino a strozzarmi" (Roberto) il passo e' piu' simile al mio (5.30/km) che non al loro (4.30/km), su queste distanze. Cosi', sull'ultimo strappo prendo coraggio e provo l'allungo.

Non sono molto convinto, perche' le gambe urlano ancora dalla seduta in palestra di venerdi, ed il polpaccio sinistro tira in modo preoccupante. All'ultimo km sento le vecchie volpi alle mie spalle conversare tranquillamente, ed io che ero allo spasimo ho preferito fare l'ultimo chilometro come defaticamento. Insomma, li battero' in un'altra vita, quei due li'. Il test, comunque e' andato bene, i piedi hanno tenuto, alla fine corro meglio senza plantari e con le Dyad 4, piu' "cushion" delle Glycerin 5, sempre Brooks. Soccia che freddo, pero'...



Il tracciato

2 commenti:

Marco ha detto...

Molto peggio i saliscendi e gli ultimi 2 km in salita alla garda trentino Half Marathon...e soccia che freddo!

IronFrankie ha detto...

Eh, certo, in Trentino a meta' novembre mica ci puoi trovare le margherite in fiore ed il tepore primaverile!
:-))